MALINCONIA DEL DISTACCO NEL TUO INCAVO RIPOSO

Il furore delle carezze assiepate sulla pelle
Diviene poesia fra le tue mani
Giunchi flessibili al vento
Odoroso d’ ambra e mughetti.
Raggi di luna offuscano la stanza
E le pareti hanno disegni cinesi
Di corpi lenti e flessuosi
Nell’intensità dell’incoerenza
Veliero ormeggiato in mare aperto
Delle nostre emozioni
Salvatrici di ore e peccati
Senza un formale giudizio
Della nostra verità.
Salvezza è fuggire dall’onda
Che travolge i sensi e placati rimorsi
Ai nostri voleri
Senza chiedere venia di quel dolore inconsueto
Che reclama alla bocca la sete.
Malinconia del distacco nel tuo incavo riposo.

Fioralba Focardi 28/09/2019

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...