Cronaca XXVI Trentaseiesimo giorno di quarantena

Chissà perché il tempo ha deciso di mettere “il culo a bagno” (detto fiorentino) proprio quando devo uscire per andare dall’altra parte della città! Ho un appuntamento alle 11, e non posso mancare, l’autocertificazione è pronta, devo decidermi a lasciare il letto.

Mi fa fatica, devo lavarmi anche i capelli, ma lo farò quando rietro, ormai è la prassi.

Faccio una colazione abbondante, dato che i Bar sono chiusi, e mangiare con la mascherina non è possibile. La bottiglietta dell’acqua quello sì, si secca la gola, e devo bere.

Alle 9 sono già fuori, non so il tempo che impiegherò, non è detto che gli autobus, abbiano orari regolari.

La stazione è deserta, poche persone, quattro gatti in tutto, fa malinconia, prima del 3 marzo, non camminavi dalla gente che c’era.

L’autobus passa dopo venti minuti che lo aspetto, mi sa che arrivo in anticipo: aspetterò.

Invece all’entrata dell’ufficio un signore gentilissimo chiede i documenti, sul tavolino ha il disinfettante per chi deve entrare, io ho i guanti, e entro, un altro passaggio, nuovo documento, e mi dicono che posso passare. Faccio in fretta, forse qualcuno ha dato forfè e io sono passata prima.

L’autobus per il ritorno arriva subito, ha smesso di piovere, meno male; questa volta ci sono una quindicina di persone, tutte con le borse della spesa. Mi sento a disagio, troppo affolamento, mi sale l’ansia, comunqiue tutti hanno il volto coperto.

Penso che forse la spesa possa farla oggi, tanto sono fuori così evito di uscire giovedì.

Alla stazione, la tramvia è quasi deserta, due per ogni vagone, mi rilasso, oddio ci mancava la fobia del troppo troppo. Al centro commerciale di Ponte a Greve, la solita fila, no mi sbaglio, per fortuna mi sbaglio, meno male forse è colpa del tempo che ha fatto restare a casa molti.

Ricomincia la pioggerellina, ma non apro l’ombrello, tanto tra dieci persone sarò sotto il tendone al riparo; quasi un’ora di fila, ed entro.

“Mamma, sono al super mercato, quando ti chiamo viene all’entrata con la macchina, porta anche quattro borse, che faccio la spesa”.

Il carrello è pieno, in farmacia le mascherine le hanno finite, mi toccherà tornare un altro giorno, che rabbia.

Carichiamo la macchina, e via a casa, sono quasi le due. Ho fame!

“Fatti la doccia che apparecchio, tanto è tutto pronto, la spesa la sistemiamo dopo”.

Il getto dell’acqua a bollore, mi rilassa e riscalda, penso a come sono cambiati i giorni, a come siamo organizzati, alla paura che ognuno prova, alle distanze che fanno male.

Stamattina non ho scritto niente! Ormai è un lavoro, che rilassa e devo dire mi fa crescere. Il mio blog, chissà perché non lo seguivo per bene, ora ha una forma che mi piace, e sto pensando ad altre rubriche. Mi mandassero in pensione!

Fuori non piove più, è nuvolo, anzi variabile, ho voglia di qualcosa di dolce, ho comprato la cioccolata bianca vegana, mi verrebbe da piangere in altri frangenti, ma almeno è dolce, un po’ dura ma dolce, ma non si scioglie in bocca come quella al latte, che si spande per tutto il palato, che da brividi intensi quasi come un bacio…pazienza.

Mi scrive un mio amico: “Ma scusa, non tornano i giorni di qua-rantena con la tua cronaca!”   

“Hai ragione, ma per me è cominciata dopo, ho lavorato fino a metà marzo, e poi non ho iniziato subito a descrivere la mia quarantena”.

Parliamo un po’ ci informiamo delle nostre rispettive famiglie, ci salutiamo ed è quasi ora della diretta.

Oggi pochi mi hanno seguita, poi scopro che ci sono problemi di connessione, mal comune mezzo gaudio: chissà se andrebbe a qualcuno di condividere la vicina ginnasta?

Puntuale o quasi, eccola là a saltare con foga speriamo che il pavimento regga.  

Boom…Boom…Boom…quando usa la palla però rompe sempre qualcosa!

Fioralba Focardi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...