Amore appagato

Fresca la sera

Si palesa in tutta la sua bellezza

Di colori sbiaditi, rari cirri color del piombo

Illuminati da perlacei riflessi.

E la tua bocca

Sfiora la pelle del collo

È intensa l’attesa

Selvaggia emozione.

S’attarda un merlo

Nel giardino ormai in penombra

Canta assonnato

Forse è un richiamo d’amore.

Le mani sfiorano

Toccando latitudini di corpi

Senza arrossita vergogna

Esplodendo in deliziosi lamenti.

Toccano i tasti le dita,

Scrivono parole

Come un pianista con le sue note

E lascio accesa una lampada

A illuminare la stanza

Chiudo gli occhi

La musica rapisce

E porta in mondi mai esplorati.

Ammalianti note cipriate

È  il profumo che aleggia nell’aria

Di corpi languidamente abbandonati.

E la notte ormai è scesa

Una tenda svolazza leggera

Come una gonna danza

Lasciando intravedere

Alla luna l’amore appagato.

Fioralba Focardi®

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...