Una nuova visione delle tempeste di Giove

Quest’ultima immagine di Giove, scattata dal telescopio spaziale Hubble della NASA il 25 agosto 2020, è stata catturata quando il pianeta si trova a 406 milioni di miglia dalla Terra. La visione nitida di Hubble sta offrendo ai ricercatori un rapporto meteorologico aggiornato sull’atmosfera turbolenta del pianeta mostro, tra cui una nuova straordinaria preparazione di tempeste e un cugino della famosa regione della Grande Macchia Rossa che si prepara a cambiare colore – di nuovo.

Un dettaglio unico ed emozionante dell’istantanea di Hubble appare alle latitudini centro-settentrionali come una tempesta luminosa, bianca e allungata che viaggia intorno al pianeta a 350 miglia all’ora (560 chilometri all’ora). Questo singolo pennacchio è scoppiato il 18 agosto 2020 – e osservatori terrestri ne hanno scoperti altri due che sono apparsi più tardi alla stessa latitudine.

Mentre è comune che le tempeste si comparsano in questa regione ogni sei anni circa, spesso con più tempeste contemporaneamente, la tempistica delle osservazioni di Hubble è perfetta per mostrare la struttura sulla scia della perturbazione, durante le prime fasi della sua evoluzione. Dietro il pennacchio ci sono piccole caratteristiche arrotondate con complessi colori “rosso, bianco e blu” nell’immagine della luce ultravioletta, visibile e vicino all’infrarosso di Hubble. Tali caratteristiche discrete tipicamente si dissipano su Giove, lasciando dietro di sé solo cambiamenti nei colori delle nuvole e nella velocità del vento, ma una tempesta simile su Saturno portò ad un vortice di lunga durata. Le differenze all’indomani delle tempeste di Giove e Saturno possono essere correlate all’abbondanza contrastante dell’acqua nelle loro atmosfere, poiché il vapore acqueo può governare l’enorme quantità di energia immagazzinata che può essere rilasciata da queste eruzioni di tempesta.

Hubble mostra che la Grande Macchia Rossa, rotolando in senso antiorario nell’emisfero meridionale del pianeta, si sta arando tra le nuvole davanti ad essa, formando una cascata di nastri bianchi e beige. La Grande Macchia Rossa è attualmente un colore rosso eccezionalmente ricco, con il suo nucleo e la fascia più esterna che appaiono rosso più profondo.

I ricercatori dicono che la Grande Macchia Rossa ora misura circa 9.800 miglia di diametro, abbastanza grande da inghiottire la Terra. La super-tempesta si sta ancora restringendo, come notato nelle osservazioni telescopiche risalenti al 1930, ma la ragione della sua dimensione in diminuzione è un mistero completo.

Un’altra caratteristica che i ricercatori stanno notando è cambiata è Oval BA, soprannominato dagli astronomi Come Red Spot Jr., che appare appena sotto la Grande Macchia Rossa in questa immagine. Negli ultimi anni, Red Spot Jr. è sbiadito di colore alla sua tonalità originale di bianco dopo essere apparso rosso nel 2006. Tuttavia, ora il nucleo di questa tempesta sembra oscurarsi leggermente. Questo potrebbe suggerire che Red Spot Jr. sta per passare ancora una volta a un colore più simile a suo cugino.

L’immagine di Hubble mostra che Giove sta ripulendo le sue nubi bianche ad altitudine più elevata, specialmente lungo l’equatore del pianeta, dove intorno ad esso avvolge uno smog idrocarburico orangish.
La luna gelida Europa, che si pensa detenesse potenziali ingredienti per la vita, è visibile a sinistra del gigante gassoso.

Questa immagine di Hubble fa parte delle mappe ogni anno dell’intero pianeta prese come parte del programma Outer Planets Atmospheres Legacy, o OPAL. Il programma fornisce una visione globale annuale di Hubble dei pianeti esterni per cercare cambiamenti nelle loro tempeste, venti e nuvole.

Il telescopio spaziale Hubble è un progetto di cooperazione internazionale tra NASA ed ESA (Agenzia Spaziale Europea). Il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, maryland, gestisce il telescopio. Lo Space Telescope Science Institute (STScI) di Baltimora conduce operazioni scientifiche hubble. STScI è gestito per la NASA dall’Association of Universities for Research in Astronomy di Washington, D.C.

A New View of Jupiter’s Storms | NASA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...