Quel che resta

Che luna stasera
Piena e incorniciata da due sottili nuvole
E il silenzio che le canta un inno alla sua bellezza.
Quel che resta di te
Potrebbe essere poco a conti fatti
Ma poi se ricalcolo il pensiero
È molto più di tanto
Che giochi di parole
Sarà colpa della luna.
Quanta pace in questa notte
Nemmeno un’anima a frequentare la strada
Così mi siedo sul muricciolo in attesa
Di un sogno o di un gatto
Che abbia voglia di scambiare due parole
Del tempo o della situazione precaria
Di questa notte appesa a quel lampione sospeso lassù.
Quel che resta di me
Sono i giorni a scrivere parole
Scritte a penna sui muri
E le porte chiuse all’indifferenza
Povero poeta senza un leggio
Dove posare i pensieri
Che restano a fluttuare
Come note nell’aria di questa notte.
E tu dormi
Stanco del giorno.

Fioralba Focardi 29/03/2021

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...