Proxima Centauri, segnale radio o semplice interferenza?

I ricercatori della Penn State sono stanno esaminando un segnale radio che potrebbe provenire da Proxima Centauri. La stella, normalmente invisibile ad occhio nudo dalla Terra, è la vicina più vicina del nostro sistema solare.

Nell’aprile 2019 è stato rilevato uno strano segnale radio, il fatto è stato riportato a dicembre da diverse pubblicazioni, solo interferenze artificiali, o dietro c’è ben altro? E’ quello che stanno cercando di capire alcuni ricercatori della Penn State University che stanno esaminando il segnale rilevato da un radiotelescopio puntato su Proxima Centauri, la stella più vicina al nostro sistema solare.

Segnale proveniente da Proxima Centauri?
“È una sorta di segnale tecnologico. La domanda è se si tratti di tecnologia terrestre o tecnologia aliena“, ha detto al New York Times Sofia Sheikh, una studentessa laureata alla Penn State, che sta guidando il team nello studio del segnale e cerca di decifrarne l’origine .

Fa parte di Breakthrough Listen, un progetto da 100 milioni di dollari finanziato da Yuri Milner, un investitore miliardario russo , per trovare onde radio aliene.

Proxima Centauri è una stella nana rossa, invisibile ad occhio nudo dalla Terra e parte del sistema a tre stelle di Alpha Centauri. Si trova a circa 4,24 anni luce da noi.

La stella è orbitata da due pianeti conosciuti, uno dei quali risiede nella “zona abitabile” che potrebbe supportare le condizioni simili alla Terra che consentirebbero la vita come la conosciamo.

Il segnale è apparso quando il telescopio puntava Proxima Centauri
“Se vedi un segnale del genere e non proviene dalla superficie della Terra, sai di aver rilevato la tecnologia extraterrestre“, ha detto Jason Wright, professore associato di astronomia e astrofisica della Penn State University.

Secondo i rapporti, il segnale a banda stretta 982,02

MHz rientra nel raggio di trasmissione dei nostri satelliti e veicoli spaziali.

Ma Astronomy.com riferisce che il segnale è apparso per cinque periodi di 30 minuti per diversi giorni, il tutto mentre il telescopio puntava direttamente su Proxima Centauri. Quando il telescopio fu allontanato dalla stella, il segnale svanì.

Il ricercatore Wright ha fatto le sue dichiarazioni nel 2019, subito dopo la formazione dell’Extraterrestrial Intelligence Center (PSETI), leader globale e hub mondiale per la ricerca volta a rispondere alla grande domanda: siamo soli nell’universo?

Segnale registrato per la prima volta dall’Osservatorio di Parkes in Australia
Il segnale è stato rilevato per la prima volta nell’aprile 2019, registrato presso l’Osservatorio di Parkes in Australia, secondo i rapporti. Ma è stato reso noto solo nel 2020, quando i ricercatori hanno setacciato i dati e hanno trovato il segnale curioso.

“È il segnale più emozionante che abbiamo trovato nel progetto Breakthrough Listen, perché non abbiamo mai avuto prima di questo un segnale che saltasse attraverso molti dei nostri filtri“, ha detto Sheikh.

Secondo la ricercatrice Sheikh, il segnale sembra apparire solo quando si guarda in direzione di Proxima Centauri. “Questa è una soglia che non è mai stata superata da alcun segnale che abbiamo visto in precedenza, ma ci sono molti avvertimenti” ha dichiarato.

Sebbene fiduciosi, i ricercatori sottolineano ancora che la possibilità che questo sia qualcosa di diverso dall’interferenza terrestre è remota.

“Il nostro esperimento esiste in un mare di segnali di interferenza“, ha detto Andrew Siemion del Berkeley SETI Research Center e ricercatore di Breakthrough Listen, che ha inoltre aggiunto: “Il mio istinto alla fine è che sarà di origine antropica. Ma il segnale non può ancora essere spiegato “.

Gli scienziati hanno iniziato ad ascoltare le stelle nel 1959, alla ricerca di un segnale radio che avrebbe potuto essere inviato da una civiltà in un lontano sistema solare.

Ad oggi, nessuna prova è stata trovata in modo definitivo e la maggior parte dei segnali con potenziale è stata esclusa come interferenza dalla Terra. Ma in tutti questi decenni è stata perquisita solo una piccola parte dell’universo. “È come cercare di setacciare l’oceano alla ricerca di tracce di pesce, ma solo guardando abbastanza acqua per riempire una vasca da bagno“, ha detto Wright nel 2019.

La frase “non sono mai alieni” è una frase che a Wright non piace sentire, ha infatti affermato: “Odio quella frase, perché se uno la pensa subito così, allora che senso ha guardare e cercare nel cielo“?

Forse finora non abbiamo ancora prove certe di segnali radio alieni, o comunque di altre civiltà intelligenti. Ma siamo davvero così sicuri di essere soli nell’universo?

Proxima Centauri, segnale radio o semplice interferenza? – Reccom Magazine

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...