Lucida Follia

Tasti di un piano carezzano malinconiche dita
musica scivola nell’aria miete vento
asciuga le stelle forgia sogni.
Dolce
melodia
un pianista anonimo regala
emozione
libera
come un bacio dato sulla bocca
dentro le caverne del cuore.
Lui suona melodie immaginando di correre
lungo la notte sulla riva di un mare nero
caldo come l’amore.
Io
fuggita via scalza dai silenzi
lascio scivolare il tuo ricordo
valzer dentro al petto
se ballo resto ferma
ad ascoltare il vento.
Sussurra la tua voce
sibilo senza fiato
arretra la coerenza
pazzia incatena il tempo
continuando
a ballare un valzer lento
del tempo dentro i secondi
pugili suonati dell’assenza.
Chiamami amore
resto ferma nella lucida follia
di credere ancora nel tuo sguardo
di credere ancora nel tuo amore.


Fioralba Focardi 28/04/2016

2 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...