4 maggio maggio nasce Adriano Spatola

Adriano Spatola (Sapjane, 4 maggio 1941 – Sant’Ilario d’Enza, 23 novembre 1988) studia a Bologna, dove nel 1961 pubblica il suo primo libro, Le pietre e gli dei, che contiene alcuni disegni del pittore Beppe Landini ed ha una tiratura limitata a circa 400 copie. Sin dalla sua prima raccolta, quindi, è evidente un’attenzione per l’ambito figurativo, ma più in generale per una contaminazione fra arti differenti, che si realizza in collaborazioni editoriali con pittori ed artisti, nonché nella sperimentazioni di linguaggi di confine come la scrittura verbo-visiva e la poesia sonora. Nei primi anni della sua attività, tale attenzione è ribadita dalle numerose presentazioni a cataloghi di mostre di artisti come Landini, Squarza, Gaibazzi. In questo periodo, Spatola inoltre fonda e dirige la rivista «Bab Ilu», che nel primo numero ospita alcune incisioni di giovani autori, ed interventi sull’arte figurativa. Nello stesso decennio, pubblica opere quali Poesia da montare (Sampietro 1965) e Zeroglifico (Sampietro 1966; Geiger 1975), che rientrano nell’ambito della poesia verbo-visiva. Entrambe le opere sono pubblicate da Sampietro, presso cui Spatola rivestiva il ruolo di direttore editoriale. La casa editrice bolognese era particolarmente attenta all’aspetto visuale dell’oggetto-libro sia nella scelta degli autori – pubblicando, ad esempio, artisti del Gruppo 70 – sia nella realizzazione dei propri volumi, proponendo un progetto grafico innovativo. Nel 1967 inoltre Spatola promuove e organizza assieme a Claudio Parmiggiani e Corrado Costa l’evento Parole sui muri, tenutosi in agosto a Fiumalbo (sull’appenino modenese). La manifestazione, nata come “esposizione internazionale di manifesti”, si trasforma ben presto in happening di poesia, arte, azione scenica, cinema indipendente, con le opere dei vari artisti che si appropriano di spazi inconsueti, in una comunicazione interdisciplinare, intermodale, intermediale. Negli anni Settanta Spatola si dedica soprattutto all’attività editoriale, con la creazione delle Edizioni Geiger, e dell’omonima antologia – che raccoglie opere di poesia visuale di autori di tutto il mondo – nonché con la realizzazione della rivista «Tam Tam». A questo periodo afferiscono anche raccolte di poesia lineare (Majakovskiiiiiiij, Geiger 1971; Diversi Accorgimenti, Geiger 1975), libri d’artista (Cantico delle creature, Achille Maramotti 1977), oppure opere che si collocano al di fuori della distribuzione editoriale come Autobiografia futurista (1977, realizzato con cartone e bulloni), Inch by inch (1978) e La vergine di Norimberga (1978, realizzato con legni e chiodi). Anche negli anni Ottanta Spatola realizza opere strettamente connesse all’ambito visivo, come Piccolo Majakowskij per El Lisiskij (Edizioni Tam Tam 1982), e Cangiullo futurista (Studio Morra 1985, collage su cartoncino e letraset su acetato) e contribuisce con i propri testi alla realizzazione di libri di vari artisti come ad esempio Giuliana Pini (Otto in si minore, Edizioni Tam Tam 1982) e Tommaso Cascella (Animagia, Corraini 1985). In particolare con Giuliano Della Casa realizza il libro illustrato Cacciatore di mosche­ (Tognolo 1980) e la raccolta di poesie lineari postuma, La definizione del prezzo (Tam Tam-Edizioni Martello 1992).

Adriano Spatola — Verba Picta

Tecniche di creazione

Similmente si comincia anche dall’alto
nel punto in cui la sedia si curva oltre
dove si nota bene la morbidezza infantile
della brezza e dei vecchi venti di mare
il loro solito modo è un modo di gridare
urlare piangere piuttosto perseguitare
altri strumenti tutti sono da suonare
come la goccia l’acqua la placida coscienza
la spalliera intagliata con le flaccide vele
l’etichetta da birra con le solite tre mele
birra rabbia anche un po’ di esaltazione
cose venute dal miele con qualcosa di fiele

Meditazioni, alba

Quanto di sopportabile un po’ quasi tutto
pozzi ginestre inferriate soli lumache
gomme per cancellare bottiglie matite
macchina da scrivere leggermente avariata
disegni di una mente vagamente incantata
sogni balbuzie linguaggio da osteria
altro materiale che abbiamo accatastato
per evitare di non essere salvato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...