Passeggiata

Vicoli stretti e viali alberati quasi deserti, lasciano spazio alle camminate in solitaria.

Vado a 2 km all’ora, la sciatica consente tra uno spasmo e l’altro di fermarsi a guardare il paesaggio.

Penso e rifletto, sul da farsi, il medico boh, dice ci vediamo mercoledì, sti cazzi e io come vivo fino a mercoledì? Certo mi ha propinato pasticche più forti, ma io vorrei andare a fondo della situazione il prima possibile.
Mica per niente, camminare così non mi piace, amo la velocità anche di piede, arrivare dove voglio velocemente e sedermi caso mai e osservare con il respiro un po’ corto, il traguardo che ho raggiunto.

Una bambolina in carrettino mi passa accanto, avrà si e no cinque mesi, guarda e sorride, mentre la mamma la conduce a passeggio.

Sono arrivata al confine del comune, che fare torno indietro o rischio e continuo ancora per un po’ il mio zoppicante cammino?


È caldo e intorno l’aria profuma di primavera e di erba tagliata, qualche scia di fumo qua e là, stanno dando fuoco agli sterpi.

Non passa una macchina, chi è a lavoro e chi resta a casa, lascia spazio alla bellezza incontaminata del giorno, torno a casa, per oggi la passeggiata è finita, domani sarà ancora meglio ne sono sicura, al diavolo anche il dottore!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...